ENERGIA: APENNINE E PO VALLEY INSIEME IN CORO ENERGY

Nasce una nuova realtà dell’upstream in Italia focalizzata sul gas metano

Roma, 11 ottobre 2017 – Le attività italiane detenute da Sound Energy tramite Apennine Energy confluiranno dentro Saffron Energy, insieme al portfolio di Po Valley Operations. Saffron, che attualmente è presente sul listino Aim di Londra dal febbraio 2017, una volta completate le operazioni, cambierà nome, diventando Coro Energy plc. La nuova Coro Energy vanterà un Board completamente nuovo, con James Parsons Chairman non esecutivo, Sara Edmonson Chief Executive Officer (CEO) e Leonardo Salvadori Amministratore Delegato delle branch italiane.

In questa nuova realtà confluiranno tutti i permessi esplorativi e le concessioni di sviluppo di Po Valley e Apennine Energy, che si aggiungeranno a quelli attuali di Saffron. Tra gli “assets” che faranno parte della nuova compagine possiamo annoverare i campi di Bezzecca, Sillaro, S. Alberto, Teodorico, Rapagnano, Casa Tiberi e i permessi esplorativi di Podere Gallina, Torre del Moro, Santa Maria Goretti e Dalla.

“Con questa nuova compagnia nasce una realtà più grande e focalizzata sulla ricerca e coltivazione di gas metano su tutto il territorio italiano, più adeguata a rispondere alle sfide dell’upstream italiano sia in termini di sviluppo che in termini di sicurezza”, dichiara Leonardo Salvadori.

“La sinergia con Appennine Energy ci rende certamente più forti per affrontare le sfide italiane. Il gruppo Po Valley è in attivo in Italia da oltre 10 anni ed è ormai profondamente inserito nel difficile mercato dell’E&P. Consapevoli dell’importanza che riveste la produzione di gas nazionale, continueremo a lavorare mettendo in campo tutto il nostro know-how, il dialogo e la trasparenza che da sempre ci contraddistinguono”, dichiara Sara Edmonson.